« Vai all'archivio

Aggiornamenti al 9 novembre 2011 - I gatti invisibili di Porto Santa Margherita

Inserito da antonella il 17.09.2011
Aggiornamenti al 9 novembre 2011 - I gatti invisibili di Porto Santa Margherita -

Aggiornamenti al 9 novemre 2011

Ancora loro, direte voi!!!...Ancora loro, purtroppo, dico io…Gli ultimi sette gatti di Porto Santa Margherita non riescono a trovare collocazione.
Ringrazio quanti fra voi mi hanno prospettato questa o quella soluzione ma non è facile inserire gatti selvatici come questi, assolutamente non adottabili, in contesti aperti, non protetti. I gattili sono pieni e, a detta di una volontaria di un rifugio veneto, i gatti selvatici portati in gattile, nel giro di un anno muoiono.
Io non so se sia così perché non ho sufficiente esperienza, quello che so è che bisognerebbe inserirli in oasi protette: ambiente naturale ma con la possibilità di un riparo e cibo sufficiente…
Manco dal posto da circa tre settimane e le ultime notizie provengono da una signora che porta loro da mangiare ogni due giorni…Ieri sera, quando l’ho sentita, mi ha prospettato una situazione avvilente ed allarmante: la discoteca ha aperto i battenti e i mici sono terrorizzati dall’andirivieni di macchine, persone e confusione…dopo la festa di Halloween non ha più visto tre dei sette mici…spero non sia accaduto loro nulla di male, non me lo perdonerei mai…Sono costantemente a cielo aperto, rimasti sotto il nubifragio di questi ultimi giorni senza riparo alcuno perché l’ingresso, munito di tendoni e gazebo, ora che la discoteca è aperta, è off limits...cibo annacquato, i cani dei pescatori, liberi, che li spaventano e così sono costretti in un quadrato di terreno dal quale vengono scacciati in malo modo quando gli operai vanno a fare interventi di ripristino e manutenzione.
Sto organizzando il loro prelievo per portarli a sterilizzare, avevo temporeggiato nella speranza di poter trovare loro una sistemazione, ma adesso non posso proprio più attendere…
Avranno mai pace questi mici che la vita ha collocato in un paradiso che è un inferno?
Chiedo a tutti, ma proprio a tutti, di considerare anche questa emergenza tra le tante emergenze che arrivano, di divulgare il loro appello, di dar loro la voce che Madre Natura gli ha negato…chiedo a tutti di considerarli, anche se lontani…Cerco per loro un’oasi protetta per non farli ripiombare nell'incubo dopo che saranno stati sterilizzati... un’oasi che possa rappresentare quel paradiso che hanno perduto e dar loro una speranza...
Per informazioni: Antonella 3202318993
oppure scrivere a:
presidente@associazionecaniliveneto.it

aggiornamenti al 1° ottobre 2011

Io ho scattato le foto e a rivederle mi sento male…una morsa allo stomaco per non avere delle risposte, per non dare delle certezze…ma come si fa??? Come si fa a seguire dei gatti per tutta l’estate, a far loro delle promesse e ai margini dell’autunno non aver risposte? Come si fa a pensare che non avranno di che cibarsi, che non avranno riparo e saranno abbandonati a loro stessi???
Questa è la verità…non sono riuscita nell’intento, non ho mantenuto la promessa, l’inverno arriverà e troverà la debolezza e la paura, la fame e la disperazione... fagociterà  con le fauci fameliche dell’inettitudine, stroncando ogni speranza,  creature già di per sé provate da una natura maligna…se non trovo aiuto in voi, là fuori, se non trovo qualcuno che possa accoglierli, sono candidati al patibolo…alla morte per fame o, peggio, per crudeltà umana…
Antonella
cell. 3202318993 oppure presidente@associazionecaniliveneto.

AGGIORNAMENTI AL 22 SETTEMBRE 2011

E’ arrivato l’autunno e la situazione dei mici rimasti nella colonia non censita di Porto Santa Margherita di Caorle (VE) si fa sempre più grave…male o bene, durante i mesi estivi, saltuariamente, alcune persone, oltre alla sottoscritta durante il fine settimana, portava loro del cibo ma con le giornate autunnali questo aiuto non ci sarà più e i cuccioli, ora intorno ai quattro/cinque mesi, dovranno arrangiarsi nonostante non si siano mai allontanati da quel posto.
Imminente è pure l’apertura della discoteca e la confusione conseguente, che spaventerà i mici abituati alla pace della loro oasi, sarà per loro un'apocalisse. Purtroppo la discoteca e l’attiguo ristorante sono proprio all’interno della recinzione ove i mici hanno trovato rifugio sotto le tettoie ed i gazebo.
Temiamo possano succedere incidenti di vario genere, dal classico incidente d’auto al maltrattamento, frutto di “bravate” giovanili e lì in quel posto non ci sarà nessuno a proteggerli, a curarli, a seguirli…

Già ora avrebbero bisogno di qualche cura perchè il siamese ha una ferita alla zampa ed è magro come un chiodo mentre la femminuccia nera ha un occhietto che spurga e lacrima in continuazione oltre a tenere costantemente la linguetta fuori dalla bocca, segno, forse, che è presente qualche infezione. Ad aggiungere gravità ad una situazione già sufficientemente critica la presenza di numerose cucciole prossime al calore insieme al siamese maschio adulto...

Non vorremmo davvero che le fatiche e il tempo impiegati quest'estate fossero resi vani dall'impossibilità di intervenire adesso e di trovare collocamento a questi ultimi otto gatti.
Chiedo a tutti voi che leggete di guardare il video e le immagini di questi bellissimi felini e di pensare che ognuno di voi può far qualcosa per loro, per aiutarli a vivere meglio e più sicuri. Dobbiamo trovare per loro delle oasi o dei rifugi che possano accoglierli, non segregandoli in gabbie ma rispettando la loro natura libera.
Chiedo a tutti di passar parola e, se qualcuno fosse a conoscenza di posti adatti, di contattarmi chiamando il 3202318993 o di scrivermi al seguente indirizzo mail: presidente@associazionecaniliveneto.it
Grazie
Antonella – Associazione Canili Veneto

 

Questo è un video fatto oggi, 17 settembre...le ultime notizie sono che otto gatti (quattro cuccioli e quattro adulti) sono stati portati in un'oasi protetta e gli adulti sterilizzati. Rimangono altri sei o sette cuccioli e due adulti nello scoperto della discoteca che a breve riaprirà...si necessita di aiuto per la cattura, di strutture o oasi dove poterli ricoverare, di staffettisti...chiunque potesse dare una mano è pregato di contattare Antonella al 3202318993 o di scrivere a presidente@associazionecaniliveneto.it

Grazie per quello che farete...

Sono mesi ormai...mesi con un chiodo fisso, quello di poter far qualcosa per loro...loro, che degli umani dovrebbero tutelare, umani che invece li hanno messi al bando, allontanati, abbandonati...il posto dove stanno sarebbe un paradiso, già, un paradiso abitato da diavoli con le sembianze di uomini che possono far seriamente del male a delle creature ignare ed innocenti...Porto Santa Margherita...Caorle...zone turistiche dove gli animali sono di troppo, per nulla tutelati, persino dimenticati...pochi volontari, meno delle dita di una sola mano, volontari che non riescono a gestire una situazione più grande di loro...sterilizzazioni difficili per la mancanza di volontari che facciano le catture, solo assistenza per la pappa, non sempre, non dappertutto, COME IN QUESTO CASO!!! cuccioli affamati che divorano anche le scatolette per cani, tutti molto magri, molto giovani...sono venuta a conoscenza di una realtà che non conoscevo e che somiglia a quella esistente nei più sperduti paesini del sud...
Una colonia felina fantasma, tutti gatti giovani e cuccioli...la loro presenza recente, l'anno scorso,lì, non c'erano...si sono insediati nello scoperto di una discoteca, chiusa d'estate, aperta d'inverno...i gatti che trovano riparo sotto le tettoie sono forse una quindicina, forse di più...non sappiamo, non possiamo entrare in proprietà privata. Quelli visibili sono appunto una decina, ci sono femmine che devono essere sterilizzate prima che vadano nuovamente in calore aumentando in modo ESPONENZIALE la popolazione felina.
Chiunque possa fornire un aiuto in loco per la cattura, chiunque possa farsi carico anche di un solo stallo o di accoglierli in oasi protette o, ancora, di monitorare la situazione piuttosto che aiutare per eventuali staffette, mi contatti...la situazione è davvero grave ed urgente, non solo per questi ma per tutti gli altri che vivono sul litorale: bisogna fermare le nascite attraverso la sterilizzazione, qui nessuna femmina è sterilizzata. Tutte le colonie devono essere censite, monitorate, le femmine sterilizzate se non vogliamo trovare gatti nei cassonetti, gatti sparati, gatti maltrattati...
c'è bisogno di volontari, di stalli, di buone strutture di ricovero...per favore!!!
Le urgenze sono tantissime ma, vi scongiuro, non dimenticate questa, sono gatti bellissimi e giovani ed hanno bisogno di aiuto...

Per informazioni: Antonella 3202318993

 

Aggiornamenti al 9 novembre 2011 - I gatti invisibili di Porto Santa Margherita

Altre foto ...

 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -  -  -
 -