« Vai all'archivio

CUCCIOLI DENTRO UN SACCO AFFOGATI NEL CANALE

IL MATTINO DI PADOVA
Inserito da Maria il 16.11.2009
Casi di inaudita violenza accadono più di quel che si creda anche nel civilissimo nord!

IL MATTINO DI PADOVA

14 NOVEMBRE 2009

 

Cuccioli dentro un sacco affogati nel canale

 

Sergio Campofiorito

 

VOLTABAROZZO (PD). Scena di crudeltà choccante nel lungargine di Voltabarazzo dove una ragazza, mentre faceva jogging con le amiche, ha notato due stranieri dall’aspetto africano che gettavano nel canale un sacco della spazzatura da quale erano chiaramente udibili i lamenti di alcuni cuccioli di cane. I poveri animali sono sprofondati in un lampo, mentre la coppia, come se niente fosse, si è allontanata. Erano circa le 17 quando Claudia Rosmi, di ventotto anni, stava trotterellando accanto al corso d’acqua insieme a due amiche. L’idea era di trascorrere un pomeriggio all’aria aperta, finché il clima lo consente. Ma ad attenderle, una sorpresa traumatica.   «Abbiamo visto due uomini di colore che trasportavano un sacco», racconta la ragazza «e abbiamo notato che qualcosa si muoveva all’interno, sentivamo anche dei guaiti. I due hanno gettato il fardello nel canale e poi hanno proseguito con calma, imperterriti. Solo qualche istante dopo abbiamo compreso l’atrocità che avevano commesso». Troppo tardi per intervenire, dei cuccioli non c’era più traccia. Così alle amiche non è rimasto altro che informare l’ente protezione animali.  «Purtroppo questa barbarie non rappresenta un episodio isolato», commenta Luigi Cusin, dirigente dell’Enpa «in casi come questi, come prima cosa bisogna avvertire le forze dell’ordine. Accade molto spesso che le persone, soprattutto italiani per la verità, anneghino i cuccioli in quel modo, ma non solo. Nella centralissima via Savonarola, poco tempo fa, abbiamo salvato da una morte atroce due gatti gettati nel cassonetto della spazzatura; nelle campagne, poi, molti scavano ancora buche per seppellire vivi gli animali appena nati». Purtroppo c’è poca informazione sulla sterilizzazione che consente di evitare nascite indesiderate e, in base alla legge regionale 60, è gratuita. Cosa si rischia a livello penale? «Un massimo di 18 mesi di reclusione e multe fino a 15 mila euro», chiude Cusin.

CUCCIOLI DENTRO UN SACCO AFFOGATI NEL CANALE