« Vai all'archivio

Nella regione Veneto ed in regione Veneto la caccia regna sovrana!!!

ll povero bandito vittima di cacciatori liberi di scorazzare ovunque...grazie alla regione cani e gatti possno essere tranquillamente preda di cacciatori senza scrupoli!
Inserito da Mirna il 02.01.2009
Nella regione Veneto ed in regione Veneto la caccia regna sovrana!!! - ll povero bandito vittima di cacciatori liberi di scorazzare ovunque...grazie alla regione cani e gatti possno essere tranquillamente preda di cacciatori senza scrupoli!

Riportiamo con grande sdegno ed amarezza il comunicato emesso dalla LAC (Lega anti caccia) sezione del Veneto in relazione ad un ennesimo atto di inciviltà e crudeltà nei confronti di animali indifesi. LAssociaizone Canili Veneto dichiara di sostenere la LAC e appoggiarla in qualsiasi atto o azione voglia intraprendere per far si che la Morte del povero Bandito non sia invano.

Sottolinea anche come, probabilmente all'insaputa di molti Veneti, l'Assessore con delega alla caccia responsabile di regolamentare la caccia sia a sua volta cacciatrice e figlia di cacciatori. I cacciatori quindi in regione Veneto hanno le porte aperte sempre e comunque.

Pubblichiamo per intero il comunicato della LAC allegando anche foto del piccolo angelo che purtroppo non ce l'ha fatta;

  _____________________________________________________________________

Lega per l'Abolizione della Caccia

Sezione del Veneto - Via Cadore 15/C int. 1 - 31100 Treviso

Tel. 347/9385856 e-mail: lacveneto@ecorete.it  Web: www.lacveneto.it

 Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente ex Legge 8 luglio 1986, n. 349

come associazione ambientalista.

 NEL VICENTINO I CACCIATORI MASSACRANO A FUCILATE UN CANE DA COMPAGNIA NEL GIARDINO DI CASA DEI PROPRIETARI. NUTILI I DISPERATI TENTATIVI DA PARTE DEL VETERINARIO DI SALVARE LA POVERA BESTIA.

 

 

LA LAC DARA' ASSISTENZA LEGALE AI PROPRIETARI DEL CANE MASSACRATO E CON LORO METTE UNA TAGLIA DA 1.000 EURO PER CHI DARA' INDICAZIONI SUGLI AUTORI DI QUESTO VILE, INCIVILE  E BARBARO GESTO.

Domenica scorsa il Signor Gerolamo Conzato con la moglie Barbara e i tre figli di quattordici, undici e due anni dopo essere tornati a casa verso le 13.00 per pranzare, in via Dante Alighieri, al civico 40 di San Giorgio di Perlena, frazione del comune di Fara Vicentino, sono rimasti increduli nel vedere che il loro cagnolone di nome Bandito, un bel meticcio molto simile ad un Labrador, non era venuto ad accoglierli come era solito fare (Bandito era stato così battezzato dai bimbi del signor Gerolamo perché presentava una vistosa macchia nera all'occhio sinistro che ricordava un vecchio corsaro).

Da una breve escursione nell'ampio cortile retrostante la casa veniva rilevato sangue ovunque e alla fine Bandito veniva trovato disteso e rantolante sotto un furgone parcheggiato nel magazzino di casa, dove evidentemente si era rifugiato. Bandito aveva l'occhio sinistro devastato, la parte sinistra del muso squarciata da una o piu' fucilate sparate a bruciapelo, mentre era vistosa una emorragia nella parte sinistra della gola dove i pallini erano fuoriusciti trapassando la povera bestia. Purtroppo il signor Gerolamo colto di sorpresa, non è stato in grado di evitare che i propri figli vedessero il loro amato beniamino, compagno di lunghe ore di gioco da ben otto anni, ridotto in quelle terribili condizioni.Bandito veniva quindi caricato delicatamente nell'auto e portato subito dal veterinario Dott. Antonio Fazio di Thiene (VI) che in un disperato tentativo di salvarlo, lo sottoponeva, dopo averlo sedato ad una delicata operazione chirurgica. Bandito si presentava in condizioni disperate, come si legge dal certificato medico: "presentava vistose lesioni della parte sinistra del muso e della testa, dell'occhio sinistro ed un esteso rigonfiamento della zona intermandibolare, riconducibile a ferite causate da pallini da caccia, un esteso ematoma a livello della glottide impediva la respirazione". Veniva quindi sottoposto a tracheotomia e quindi intubato ma le estese emorragie, presenti purtroppo anche nei polmoni, impedivano ogni possibilità di salvezza e pertanto Bandito veniva sottoposto ad eutanasia (vedere FOTOGRAFIE dell'operazione allegate al presente comunicato). Bandito, che aveva otto anni,  viveva con i suoi padroni in una zona collinare dove poteva scorazzare, assieme a sei cavalli, in un appezzamento di ben 20.000 metri quadri recintati con filo spinato dove vige il divieto di caccia.Da una prima ricostruzione dei fatti alcuni cacciatori si sono introdotti nel recinto dei cavalli e successivamente, a pochi metri dalla casa dei signori Conzato, hanno sparato, da una distanza di circa 6/7 metri, al povero Bandito che probabilmente stava loro scodinzolando, prova ne è il fatto che è stato colpito lateralmente (se abbaiava contro ai cacciatori sarebbe stato colpito frontalmente!). Il signor Conzato, che si è subito rivolto ad Andrea Zanoni, presidente della Lega per l'Abolizione della Caccia del Veneto, ha raccontato che tre anni fa i cacciatori hanno sparato addirittura contro uno dei suoi cavalli che ancora adesso porta conficcati nella carne una cinquantina di pallini da caccia, inoltre sempre i cacciatori, due anni fa hanno ucciso il cane di un suo amico sempre all'interno del giardino di casa anche questa volta ben recitato in tutti i lati, infine lo scorso anno i cacciatori lo hanno colpito con una rosa di pallini mentre stava tagliando della legna, pallini che fortunatamente sono stati fermati dal giubbotto e dalla tuta da lavoro. La LAC sta predisponendo la stesura i una dettagliata querela, che entro breve verrà depositata dai signori Conzato al comando stazione Carabinieri di Breganze (VI) che sono già stati avvisati del grave episodio di violenza; i reati ipotizzati sono l'uccisione di animali altrui, il maltrattamento di animali e l'esplosione di colpi di arma da fuoco nei pressi di un'abitazione, violazione delle norme sulla caccia. La LAC e i signori Conzato mettono inoltre una taglia di 1.000 Euro sui responsabili di questo barbaro gesto per tutti coloro che daranno indicazioni utili ad individuarli, per informazioni cell. 347/9385856 (Andrea Zanoni) o  email: lacveneto@ecorete.it o LAC Sezione Veneto Via Cadore, 15/C int.1 31100 Treviso.

"In anni di volontariato contro la caccia - ha commentato Andrea Zanoni presidente della LAC del Veneto - ho visto molti casi di uccisione di cani e gatti ad opera dei cacciatori, questo pero' è un caso che per la sua brutalità mi ha colpito più degli altri. Qui hanno sparato in un terreno dove c'è il divieto di caccia, dove ci sono dei cavalli dai quali i cacciatori devono stare ad una distanza di almeno cento metri, ad un cane di indole buona che probabilmente gli stava facendo le feste scodinzolando. Questi energumeni, questi ominidi devono essere individuati e fermati al più presto, a loro devono essere sequestrati i fucili e revocata per sempre la licenza di caccia, inoltre devono essere condannati a pene severissime con il pagamento dei danni morali e materiali da esempio per tutti gli altri cacciatori del posto. Quest'anno sono stati registrati troppi casi di uccisione di cani e gatti da parte dei cacciatori, probabilmente condizionati dal fatto che la regione Veneto lo scorso luglio ha approvato una legge scellerata, la n. 9 del 2008, che consente la caccia, su autorizzazione delle province, agli animali "domestici inselvatichiti". Ora speriamo che qualcuno faccia i nomi dei responsabili magari attratto dalla nostra taglia di 1.000 Euro."

LAC Lega Abolizione Caccia - Sezione del Veneto - Via Cadore, 15/C int.1 - 31100 Treviso - Info: 347 9385856 email lacveneto@ecorete.it - web www.lacveneto.it

______________________________________________________

Se volete inviare i vosrtri commenti o dubbi o domande o semplicemente esprimere la vostra opinione scrivete a presidente@associazioncecaniliveneto.it oppure a mirnaf@tiscalinet.it

 

 

Nella regione Veneto ed in regione Veneto la caccia regna sovrana!!!

Altre foto ...

 -